Stampa

LA CANDELORA
Durante la messa vengono benedette e distribuite le tradizionali candele, simbolo della Purificazione di Maria (La Candelora), che i fedeli conservano nelle case ed accendono soltanto quando imperversa il maltempo e il cielo si oscura tenebroso con rischi di danni ai raccolti o ai beni...

 

MADONNA DI COSTANTINOPOLI
Il giorno della festa della Madonna di Costantinopoli è antica tradizione per gli Scorranesi recarsi a piedi, dal centro abitato, alla chiesa per pregare (facimu visita alla Matonna te Custantinobbuli) davanti all'immagine dellaVergine ...

 

DOMENICA DELLE PALME
Processione delle palme durante la mattina, dopo il rito di benedizione dei rami d'ulivo fatto nella chiesa madre, prima della messa cantata. Alla processione partecipano, tra gli altri fedeli, i proprietari di uliveti i quali portano a spalla dei grandi rami di ulivo legati in fascio, con la base appuntita per poterla infiggere negli appositi conci forati posti agli angoli delle terrazze delle case o legarli alle canne dei camini; alcuni contadini ornano i rami con nastrini colorati ...

 

LA SETTIMANA SANTA
Giovedì Santo: durante la messa in coena Domini si benedicono il Pane della Cena (pane a forma di braccia intrecciate o di grandi ciambelle con al centro un'arancia - in ricordo del sangue della Passione di Cristo - oppure piccoli pani tondi e lisci), gli agnelli di pasta di mandorla - il tradizionale dolce pasquale - e i panareddi - sia quelli di pasta dolce che racchiudono uno o più uova che quelli intrecciati con foglie di palma la mattina della Domenica delle Palme ...

 

SANTA DOMENICA
9 domeniche prima della novena in preparazione alla festa patronale, dopo le funzioni serali (nel passato la serotina, oggi la messa vespertina), recitata l' "Orazione a Santa Domenica" e cantato l'inno latino "Si portenta vultis gentes" vi è la benedizione ai fedeli con la reliquia della Santa, il bacio della stessa e l'apertura dello stipo-custodia che conserva la statua della patrona per consentire l'omaggio del popolo alla sua Protettrice ...

 

SANTA LUCIA
Il giorno della festa di Santa Lucia, nella Chiesa Matrice, viene aperto lo stipo-custodia di Santa Domenica per consentire il culto (si dice: fare visita, oppure, vedere la santa,) anche verso la Protettrice di Scorrano ai tanti devoti cittadini e forestieri che si recano alla Chiesa di Santa Lucia. Nel periodo della festività di S. Domenica invece, per tutta la novena, la statua di S. Lucia viene trasferita nella Chiesa Matrice. Questa tradizione religiosa testimonia il prondo culto che accomuna le due Sante Martiri nel cuore degli Scorranesi e dei Salentini. Il culto verso le due Sante taumaturghe è talmente profondo e sentito tra gli Scorranesí che una credenza popolare Le ritiene cugine.

 

Leggi la scheda completa a cura di Giovanni Giangreco

 

indietro