ConosciAmo Scorrano

progetto conosciamo scorrano1Il progetto “ConosciAmo Scorrano” è un’iniziativa fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale che si propone di promuovere e valorizzare i beni culturali ed ambientali presenti sul nostro territorio. L’obiettivo è quello di  ...

Bollettino "Belvedere"

belvedere luglio 2006 Il Bollettino "Belvedere" conta tre numeri ed è stato curato dai soci della Pro Loco. L'antica espressione scorranese "Ei, ju ..." si pronunciava a voce alta soprattutto in campagna, quando ci si rivolgeva a qualcuno che non si poteva riconoscere allo scopo di attirarne l'attenzione ...

Pietro de Noha, feudatario di Scorrano

40546143 1951065588270035 3759530353321050112 nCarlo d’Angiò, incoronato Re di Sicilia nel 1265, su proposta del Papa Urbano IV, per contrastare la famiglia degli Svevi, dopo la morte di Corradino, si dedicò...

Scorrano un borgo da scoprire

gruppo 1 1                                                                II edizione (1° settembre 2018)

foto gruppo                                                                  I edizione (28 agosto 2017)

I soprannomi degli Scorranesi

piedi neriAgli Scorranesi competono i nomignoli di Cucuzzari e Peti niuri: il primo si riferisce alla produzione di zucche, nell'antichità molto diffusa in questo paese; il secondo (piedi neri)  richiama il mestiere di molti paesani come raccoglitori di olive ... 
 
 

U sàpune puru i quattru te a Matonna Luce

quattru matonna luceLa presenza delle quattro statue dei Santi di dimensione naturale esistenti sulla facciata hanno colpito la fantasia degli Scorranesi tanto che ...
 
 

Caldo di Santa Domenica

CaldoSe provi a lamentarti con qualunque persona pià in là con l'età del caldo afoso che in questi giorni ha reso l'aria quasi irrespirabile la risposta,rigorosamente in dialetto, sarà sempre la stessa: " E' il caldo di Santa Domenica" ...
 

Storia della quercia delle cento pecore

quercia cento pecoreLa storia è quella di una grande quercia plurisecolare caduta a terra perché stroncata dal vento di bufera del 28 gennaio 2008: un vero “albero sacro”, un patriarca monumentale del Mezzogiorno d’Italia alto oltre 15 metri ...